Domenica, 02 Ottobre 2022

Le profezie dei Simpson - Gennaio 2022 - Giuseppe Balena

A+ R A-

Le profezie dei Simpson - Gennaio 2022

«Ma quando imparerò? La risposta ai problemi della vita non è nel fondo di una bottiglia! É in TV!». Questa è una delle tante citazioni, la meno conosciuta ma forse la più rappresentativa, del personaggio principale di una delle serie di cartoni animati più celebre degli ultimi anni. Stiamo parlando dei Simpson. La serie televisiva, ormai da alcuni decenni, fa compagnia ai telespettatori italiani più o meno in concomitanza con l’ora di pranzo. Satira feroce o spesso ironia demenziale, sta di fatto che giorno dopo giorno ha tratteggiato i connotati della società moderna e capitalista immersa nelle sue contraddizioni.

Uno specchio deformante della realtà che fa riflettere sull’ipocrisia della società, sui problemi ambientali e sull’evanescenza della politica.

  1. C’è però un aspetto curioso e sul quale non si è fatto abbastanza chiarezza: disseminate nella miriade di puntate andate in onda in questi anni si anniderebbero delle previsioni, quasi profetiche, che poi a distanza di tempo si sono incredibilmente avverate.

    Esiste veramente questo filone profetico? É voluto o si tratta solo di coincidenze?

    I Simpson: cartoni più che animati

    La celebre serie tv americana è strutturata come sitcom ed è giunta ormai nel 2021 alla trentatreesima edizione; è stata creata, infatti, nel 1987 dal fumettista Matt Groening per la Fox Broadcasting Company ed è incentrata sulle vicende di una famiglia americana composta da Homer, sua moglie Marge e dai loro tre figli Bart, Lisa e Maggie e vivono in una cittadina immaginaria chiamata Springfield.

    Ogni personaggio ha delle caratteristiche specifiche: Homer incarna lo stereotipo dell'americano di classe media, ispettore alla sicurezza della locale centrale elettronucleare, pigro e pasticcione, ma capace di scatti di coraggio e umanità; la moglie Marge è invece molto gentile e premurosa; il figlio Bart di dieci anni è il classico combinaguai disobbediente; Lisa ha invece otto anni ed è molto intelligente e infine la piccola Maggie che non fa altro che tenere il ciuccio. La famiglia ha anche due animali: il cane chiamato Piccolo aiutante di Babbo Natale e il gatto Palla di neve.

    Il successo televisivo è certamente attribuibile all’estro e all’originalità dell’ideatore Matt Groening che scelse il colore giallo della pelle dei protagonisti perché «voleva che una volta accesi i televisori, il pubblico pensasse che il colore giallo fosse legato ad un problema tecnico. Si sarebbe domandato "Oh, perché sono gialli?" ed avrebbe provato a sintonizzare il canale senza peraltro riuscirci, perché il giallo era reale. Era un tentativo innovativo per far cadere in inganno i telespettatori; è una cosa che facciamo spesso nel mondo dello spettacolo».

    Questo aspetto confermerebbe che dietro la serie televisiva ci sarebbe uno spirito goliardico forse non propriamente fine a sé stesso; infatti, il grande seguito acquisito nel corso degli anni sarebbe stato utilizzato come cassa di risonanza per veicolare precisi messaggi che non sarebbero solo confinati nel registro satirico tout court, ma potrebbero avere anche un’altra interessante matrice.

    In alcuni episodi, infatti, che poi sono balzati all’attenzione della pubblica opinione, esisterebbero delle vere e proprie predizioni di alcuni eventi con una precisione sconvolgente. Pura coincidenza, vaticinio o semplicemente fervida immaginazione frutto di una visione calcolata del futuro?

    Le profezie che si sono avverate

    Nella sterminata produzione della serie televisiva sono davvero numerose le predizioni che in qualche modo si sono avverate o comunque manifestate.

    Partiamo dalle profezie in ambito politico. Straordinariamente preciso è il caso di un episodio andato in onda nel 1999: Mel Gibson, aiutato da Homer, parte all’assalto del Congresso. Armato di un fucile semiautomatico, distrugge tutto e semina il panico a Capitol Hill. Durante l’attacco, presidente e speaker restano uccisi mentre un senatore viene assassinato dallo stesso Gibson che lo infilza alla schiena con una bandiera a stelle e strisce. L’intero Campidoglio viene infine distrutto dalle fiamme. Per fortuna, nella realtà, le cose sono andate diversamente, ma sta di fatto che la previsione era giusta.

    In una puntata del 2008 Homer vota per Obama con un sistema elettronico, ma il computer seleziona John McCain. I problemi con il voto elettronico si ripresenteranno, nella realtà, quattro anni più tardi.

    Il 9 novembre 2016 Donald Trump diventa presidente degli Stati Uniti d'America. Questo però era già stato previsto nell'episodio Bart to the Future andato in onda nel 2000, quando proprio Bart, dando un'occhiata al suo futuro, ambientato nel 2030, scopre che la sorella Lisa, diventata la prima presidente donna degli USA, ha ereditato un grosso buco di bilancio dal suo predecessore Donald Trump.

    Non mancano predizioni anche in ambito tecnologico. Nel 2005, in una puntata in cui si immagina Lisa nel futuro, c'è una scena in cui da una polaroid di una torta si sviluppa in automatico un dolce vero e proprio. Oggi la stampa 3D di cibo, pizze e torte comprese, è una realtà.

    In un episodio andato in onda invece per la prima volta nel 1995, il futuro fidanzato di Lisa fa una chiamata con un orologio. Venti anni in anticipo rispetto all'iWatch. Per rimanere in casa Apple, in un episodio del 1996 Ned Flanders e altri personaggi si trovano davanti a un dispositivo praticamente identico a un iPod che avrebbe debuttato sul mercato solo cinque anni più tardi.

    Le profezie sono veramente di diversa natura. In una puntata andata in onda per la prima volta nel 1999 Homer, alle prese con il suo pollice verde, crea una pianta ibrida che dà dipendenza e con proprietà a metà tra il pomodoro e il tabacco. Nel 2003 un coltivatore ha provato a realizzarla davvero e in seguito alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato che le foglie di pomodoro contenevano piccole dosi di nicotina.

    In ambito scientifico c’è poi una predizione che risulta veramente straordinaria. Nella decima stagione, Lisa invita il padre a inventare qualcosa seguendo le orme di Thomas Edison. Homer scarabocchia sulla lavagna e riesce a scrivere una complicata equazione che nel 2013 il Cern scoprirà essere quasi identica a quella del bosone di Higgs.

    In uno degli episodi (Non sei tenuto a vivere come un arbitro) del 2014 si faceva invece riferimento chiaramente alla corruzione all’interno della FIFA in merito al trionfo della Germania ai mondiali di calcio di quell’anno. Qualche mese dopo la nazionale tedesca vinse i mondiali proprio nella partita contro il Brasile. Incredibilmente, inoltre, in quel periodo la FIFA fu coinvolta in uno scandalo per corruzione.

    In un episodio del 1997 (Il sassofono di Lisa) Marge cerca di sollevare il morale a Bart steso a letto perché ammalato suggerendo di leggere un libro dal titolo Curious George e the Ebola virus (Il curioso George e il virus). Tra il 2013 e il 2016 questo virus è arrivato alla sua massima diffusione.

    Non è tutto. I Simpson avrebbero previsto anche la diffusione del Coronavirus. Nell’episodio 21 della quarta stagione un misterioso virus proveniente dall’Oriente si propaga negli Stati Uniti a causa di un dipendente di una fabbrica di elettrodomestici che cerca di tenere nascosto il fatto di essere ammalato per poter continuare a lavorare. Questo individuo durante il suo turno starnutisce all’interno di uno scatolone destinato al mercato statunitense. La malattia così si diffonde e in molti si ammalano mentre contemporaneamente nella popolazione cresce una certa psicosi. Uno scenario molto simile, purtroppo, a quello che abbiamo appena vissuto.

    In un episodio del 2001, intitolato New kids on the bleech, Bart e il suo gruppo di amici entrano a far parte di un esperimento della Marina Militare che aveva lo scopo di influenzare i bambini con messaggi subliminali inseriti nella musica. Qualcuno considera questa previsione come già avverata, in quanto molti credono che l’hip-hop in particolare, ma in verità anche alcuni gruppi rock, abbiano diffuso ampiamente messaggi subliminali nelle loro canzoni.

    C’è poi forse la profezia più importante: in un episodio del 1997 (La città di New York contro Homer) la famiglia Simpson decide di fare un viaggio a New York. Arrivati nella grande Mela Lisa mostra a Bart una rivista dove appare una strana immagine sulla copertina. Nel disegno, infatti, si legge 9$, ossia il prezzo dell’escursione a New York affiancato dal disegno delle Torri Gemelle. Si farebbe chiaramente riferimento a 9/11, ossia all’11 settembre, data tristemente nota per l’attentato alle Torri Gemelle. 

    Le previsioni del futuro che non si sono (ancora) avverate

    Ci sono poi alcune previsioni che a differenza di quelle analizzate finora non si sono realizzate. Almeno per ora.

    Per esempio in un episodio del 2005 il professor Frink inventa una macchina che permette a Bart e Lisa di vedere nel loro futuro fino al 2013. Scoprono così che Marge avrebbe lasciato Homer a causa del fatto che lui avrebbe dissipato i loro risparmi per acquistare una casa subacquea e una macchina volante. Per ora la macchina volante non esiste (e in verità neanche una casa subacquea) ma esistono dei prototipi di automobili che potrebbero ben presto far avverare anche questa profezia simpsoniana.

    Ancora in ambito futurista si colloca l’episodio quando Lisa si offre volontaria per una missione di colonizzazione di Marte. Il decollo però fallisce, ma Lisa e Marge riescono ad arrivarci comunque nel 2051. A quel punto, però, Lisa annuncia di voler andare su Venere. Oggi la Space X di Elon Musk sta sviluppando voli spaziali forse realizzabili già a partire dal 2022.

    Nel film dedicato a I Simpson, uscito al cinema nel 2007, viene narrato un gigantesco disastro ambientale. Nella pellicola Homer infetta l’acqua di Springfield, già ampiamente compromessa, con delle feci di maiale. Per contenere gli effetti della contaminazione, il presidente degli Stati Uniti mette la città sotto una gigantesca campana di vetro. Il presidente ha le sembianze di Arnold Schwarzenegger. Un’altra anticipazione nel futuro della politica americana? Come abbiamo visto le previsioni riguardanti le elezioni alla carica di presidente degli Stati Uni ti d’America sono molto ricorrenti. Siamo in attesa, per esempio, che si possa avverare quella prevista in un’altra puntata dove la candidata alle presidenziali 2028 è Ivanka ossia la figlia di Donald Trump.

    Una serie infinita dunque di visioni e previsioni per il futuro, ma forse come direbbe lo stesso Homer: «Tutti noi abbiamo bisogno di credere in qualcosa: io credo che tra un attimo mi farò una birra».