Domenica, 02 Ottobre 2022

Giornalista iscritto all'Albo Nazionale dal 2012

Attualmente redattore del mensile Mistero

rivista dell'omonima trasmissione televisiva di Italia Uno

 

Per contatti e richiedere la presentazione dei libri mail: g.balena@libero.it

Nessun evento trovato
loader

Rassegna stampa

 

Notizie ANSA

A+ R A-

Magical Mystery Tour - Maggio 2022

  1. «Senza l’Italia, Torino sarebbe più o meno la stessa cosa. Ma senza Torino, l’Italia sarebbe molto diversa». Questo dichiarava Umberto Eco a proposito della città sabauda; ma perché ne parlava in questi termini? Solo per ammirazione da parte di chi, come lui, era piemontese o c’era forse altro? Probabilmente oltre alla semplice ammirazione estetica e culturale bisogna evidenziare un aspetto particolare di questa città che forse solleticava le conoscenze esoteriche che lo scrittore aveva e che ha profuso più o meno velatamente anche in molte sue opere letterarie.

    Nel caso della citazione, dunque, il semiologo faceva riferimento probabilmente al lato segreto, magico ed esoterico di questa città; aspetto questo che in verità la lega ad altre città europee e mondiali nella costituzione dei cosiddetti triangoli magici delle città.

    Il triangolo magico delle città

    Prima di mettere in evidenza in che cosa si esplica la valenza esoterica di queste triangolazioni tra città, spesso anche molto distanti tra di loro, bisogna fare alcune considerazioni preliminari ma necessarie su alcuni elementi di geometria, a partire proprio da una figura antichissima, ossia il triangolo. Questa figura geometrica è strettamente legata ovviamente al numero tre. Il simbolismo universale del triangolo si ritrova in tutte le tradizioni e rappresenta essenzialmente la manifestazione del ritorno all’unità primordiale.  

    Sin dall’antichità esprimeva prevalentemente sia l’idea della divinità, riscontrabile nella simbologia della trinità, sia l’ascesi dell’uomo verso la trascendenza divina. In altre parole, quindi, il microcosmo che si innalza verso il macrocosmo.

    Nella tradizione pitagorica, in cui si manifestava come Tetraktys, il triangolo simboleggiava l’ascesa dal molteplice all’Uno. Secondo la peculiare interpretazione alchemica, invece, nell’ordine delle figure chiuse, questa si colloca tra il cerchio e il quadrato, ossia rappresenterebbe un’entità intermedia tra la sostanza astratta, ovvero spirituale e la dimensione materiale. In altri termini, dunque, rappresenta la via di passaggio tra la materia e lo spirito.

    Il triangolo è, inoltre, anche la rappresentazione grafica dei quattro elementi (acqua, fuoco, aria e terra). Con la punta verso l’alto simboleggia il fuoco e il sesso maschile, mentre con la punta in basso, invece, indica l’acqua e il sesso femminile. L’equilibrio dei due triangoli è dato dalla loro unione nella forma dell’esagono stellato, cioè la rappresentazione grafica del Sigillo di Salomone, composto dall’incrocio dei due triangoli inversi.

    Per tutti questi motivi questa figura è adottata per unire, idealmente nei vertici, alcune città con particolare valenza esoterica.

    Possiamo individuare, dunque, il Triangolo della Magia Bianca e il suo opposto, ossia il Triangolo della Magia Nera. Torino fa parte di entrambi questi triangoli: insieme a Londra e a San Francisco prende forma il Triangolo della Magia Nera, mentre insieme a Lione e Praga fa parte del Triangolo della Magia Bianca.

    Torino: la città magica

    Secondo un’antica tradizione, ai confini della leggenda, il primo nucleo abitativo della città è stato fondato da Fetonte, figlio di Iside dea della magia.

    In questa città si pensa, quindi, regnino forze magiche opposte che lottano e si compensano allo stesso tempo. Torino, inoltre, sorge tra due fiumi, il Po e la Dora, che secondo enunciati esoterici, rappresentano simbolicamente il Sole e la Luna. La città piemontese si trova esattamente al centro dell’emisfero boreale e infine è attraversata dal 45° parallelo, oltre che dall’intersezione delle famose e antiche energie delle Linee del Drago. Questo aspetto è in comune con le altre città dei triangoli magici.

    La città ospita due oggetti sacri molto venerati. Uno è reale ossia la Sacra Sindone. Questo suggestivo oggetto, nell’antichità, veniva esposto tra le statue di Castore e Polluce presenti in Piazza Castello. La leggenda narra che attraversando il punto in cui veniva esposta ci si ricaricava di energia positiva e di fortuna. L’altro oggetto invece è irreale, ma altrettanto potente. Secondo una tradizione arcaica a Torino sarebbe nascosto il famoso Santo Graal. Il punto in cui era riposto pare essere indicato da una delle statue della Chiesa Gran Madre di Dio. La chiesa, inoltre, ha al suo ingresso due statue, simboleggianti la Fede e la Religione, che secondo una leggenda orienterebbero il loro sguardo proprio laddove sarebbe nascosto il Sacro Graal.

    Anche la parte sotterranea della città offrirebbe numerosi spunti interessanti. Sempre sotto Piazza Castello, tra Palazzo Madama e Palazzo Reale, ci sarebbero le cosiddette grotte alchemiche (di difficile accesso) che secondo alcuni sarebbero vie fisiche e mistiche per raggiungere altre dimensioni.

    Il lato in cui si concentrano le forze della magia bianca sarebbe la zona est, dopo aver attraversato il cancello di Palazzo Reale. Altro luogo della magia bianca sarebbe la Fontana dei Tritoni che raffigura una ninfa e dei tritoni, tutti figli di Poseidone.

    Il punto massimo della magia nera sarebbe, invece, Piazza Statuto, dove si dice ci sia la bocca dell'inferno. Questo era considerato un luogo negativo anche dai Romani a causa della sua disposizione verso Occidente, cioè dove il sole muore; in questa piazza, infatti, venivano effettuate le crocifissioni.

    Ad amplificare ancora di più l'energia negativa di questo luogo ci sarebbe poi il Monumento al Traforo del Frejus eretto nel 1879. Questo rappresenta uno sperone di roccia su cui si arrampicano figure bianche e sulla cui cima svetta un angelo della scienza, con in capo una stella a cinque punte. Questo angelo, però, secondo gli esoteristi, rappresenterebbe Lucifero.

    Vicino Piazza Statuto, in Via Lessona, si trova inoltre la Domus Marozzo dove avrebbe alloggiato Nostradamus venuto a Torino per curare la sterilità di Margherita di Valois, moglie di Emanuele Filiberto. Qui è presente una lapide con la scritta “Nostradamus ha alloggiato qui, dove c’è il Paradiso, l’Inferno e il Purgatorio. Io mi chiamo la Vittoria, chi mi onora avrà la gloria, chi mi disprezza avrà la rovina intera”.

    Sempre a proposito della presenza demoniaca possiamo far riferimento al portone di Palazzo Trucchi di Levaldigi, meglio conosciuto come il Portone del Diavolo. La particolarità che ha contribuito al nome che oggi porta è il batacchio centrale che raffigura il diavolo che scruta i visitatori che bussano. La parte che si prende con la mano per bussare è composta da due serpenti le cui teste si uniscono nel punto centrale. La leggenda narra che il portone sia comparso all’improvviso in una sola notte. Si narra che, quella notte, un apprendista stregone avesse invocato le forze oscure e lo stesso Satana decise di punirlo imprigionandolo dietro il portone; il malcapitato non riuscì mai più ad aprirlo.

    Lione

    Lione è sorta su quella che era l’antichissima Lugdunum Segusianorum ossia la città di Lug, il dio celtico del sole e delle messi che aveva come animale-totem proprio il leone.

    Anche questa città, come Torino, nasce in mezzo a due fiumi: il Rodano e la Saona che simbolicamente rappresentano il dualismo maschile e femminile. Dal punto di vista religioso è situata in un luogo molto particolare, ovvero sulla via che porta verso il pellegrinaggio di Santiago di Compostela. Molti, anche in età antica, prima di intraprendere il cammino preferivano passare da Lione per ricevere la benedizione della Vergine Nera che si trovava all’interno della Basilica di Notre Dame de la Fourviere. Questo è forse il più antico insediamento della città e si trova sulla collina omonima, dove anticamente sorgeva il massimo centro spirituale di Cibele, una dea materna positiva, adorata in forma di pietra nera. Attualmente qui sorge la basilica dove è venerata proprio la Madonna Nera.

    Lione è stata la città-dimora di molti Cavalieri Templari e ha ospitato Cagliostro quando vi fondò la prima Loggia Massonica di Rito Egizio. La città, come Torino, ha molti collegamenti con il mondo egizio. Si trova, infatti, sulla ley lines europea che congiunge il sito archeologico e megalitico della città egizia di Karnak.

    Praga

    Anche Praga, come Torino e Lione, nasce tra due fiumi: la Moldava e l’Elba. La sua fama di luogo magico ebbe particolare risonanza a partire dal XVI secolo sotto il regno di Rodolfo II, noto appassionato di alchimia. Rodolfo accoglieva a corte i personaggi più influenti dell’epoca perché voleva che scoprissero per lui la formula per trasformare il metallo in oro. Tra questi si ricordano Tycho Brahe, Giovanni Keplero, John Dee, Michael Sendivogius ed Edward Kelly.

    Un altro sovrano, Carlo IV, era particolarmente interessato sia alla magia che alle arti occulte. Fece costruire il famoso Ponte Carlo carico di simboli mistici.

    Un altro simbolo suggestivo della città è certamente l’Orologio Astronomico medioevale che si affaccia sulla Piazza della Città Vecchia. Questo monumento presenta sulla facciata vari simboli legati al numero 4 e quindi ai quattro elementi, ossia l’aria, l’acqua, la terra e il fuoco.

    Praga, come Lione e Torino, avrebbe delle grotte sotterranee dedicate alle attività alchemiche ed esoteriche.

    Londra

    Londra è il vertice europeo del triangolo della magia nera. Gli efferati crimini avvenuti alla fine dell'Ottocento per mano del killer Jack lo Squartatore, di cui non si è mai saputa l'identità, hanno contribuito a farne capitale del male.

    Tantissimi sono poi i luoghi legati ai Cavalieri Templari e all'Ordine degli Ospitalieri. In Fleet Street è visibile il Dragone Alato che porta fiero uno scudo tipicamente crociato ed è un emblema importante e significativo dal punto di vista esoterico.

    Altri punti della città sono legati alla Massoneria e alle sue origini. Nella capitale inglese, infatti, nel 1717 nacque la moderna Massoneria. La capitale inglese, infatti, è piena di numerosi simboli massonici come ad esempio la stella a cinque punte che ritroviamo l’ingresso della Cattedrale di Saint Paul. L’opera è dell’architetto Sir Christopher Wren, vissuto nel XVII secolo, membro influente proprio della Massoneria.

    Anche Londra presenta un curioso segreto legato al mondo sotterraneo. Secondo una leggenda al di sotto del Saint John’s Gate sarebbe custodito un prezioso pozzo che pare contenesse acqua magica in grado di curare chiunque vi entrasse in contatto.

    San Francisco

    L’altro vertice del triangolo della Magia Nera si trova a San Francisco. La città è stata fondata dall’antica popolazione degli Oloni e da sempre ha ospitato personaggi fuori dagli schemi. Per esempio è balzata alla cronaca nera per la scia di sangue di cinque omicidi commessi tra il 1968 e il 1974 dal famigerato Zodiac. Tra gli anni ‘70 e ’80, inoltre, ospitò tantissimi personaggi della scena hippie internazionale, tra cui anche assassini e criminali. Tra questi spicca la figura di Charles Manson, una delle personalità più ambigue e discusse degli anni ’70; grazie alle sue abilità riuscì a piegare al suo volere migliaia di persone, spingendole a commettere atti crudeli come omicidi efferati e immotivati.

    La metropoli californiana ha anche ospitato alcuni degli esoteristi più famosi della storia, come Anton LaVey che nella seconda metà degli anni ‘60 diede vita alla Chiesa di Satana.  

    Come abbiamo visto, dunque, queste città, sebbene distanti, hanno alcune caratteristiche in comune ma anche peculiarità che le rendono uniche e magiche.

    Ritorniamo all’inizio del nostro viaggio. Fanno riflettere le parole Giorgio De Chirico avvezzo ai temi esoterici: «Torino è la città più profonda, più enigmatica, più inquietante, non d’Italia ma del mondo».